Succo di frutta, estratto o smoothie?

Smoothies, estratti e succhi, sono tutte bevande a base di frutta e verdura ma diversi tra loro per consistenza e capacità nutritive. Differenze dovute in buona parte agli strumenti (elettrodomestici) utilizzati per lavorare la materia prima che si ripercuotono sul contenuto nutrizionale e sui benefici per l’organismo.

1️⃣Nello smoothie, la polpa della frutta viene sminuzzata da una lama trita-tutto che gira velocemente. I nutrienti restano integri e il risultato è una bevanda dalla piacevole consistenza cremosa. Si possono preparare con frutta e verdura intera, privata di buccia e torsoli. Possono essere di sola frutta, o abbinamenti gustosi di frutta e verdura.Contengono molte fibre utili all’intestino, poiché conservano tutte le componenti della frutta e della verdura con cui sono ottenuti, senza alcun tipo di scarto. Proprio per questo sono molto sazianti e possono sostituire un pasto, se si è di fretta, oppure sono ottimi a colazione o anche a merenda, ma possono dare “fastidio” ai soggetti che soffrono di Colon Irritabile.

2️⃣L’estrattore è una macchina che lavora piano, spreme frutta e verdura a bassa velocità (meno di 100 giri al minuto) per regalarci dei succhi viv.Gli ingredienti freschi, infatti, non si surriscaldano come per i centrifugati e mantengono inalterate tutte le sostante nutritive. A guadagnarci, inoltre, è il gusto che resta mediamente più intenso.Il contenuto di nutrienti è circa 2/3 volte superiore rispetto ai centrifugati, con una bassa presenza di fibre. In questo modo gli estratti risultano più facilmente digeribili. L’estrattore, inoltre, dà la possibilità di utilizzare frutta e verdura comprensivi di buccia.

3️⃣Nel succo di frutta fresco come la spremuta di arancia invece il frutto viene premuto da uno strumento, lo spremitore che trattiene polpa, fibra e semi. Il succo resta più liquido e leggero rispetto alle altre bevande e molto digeribile anche per chi soffre di colon irritabile.

    Leave Your Comment Here